Shop

Stefania Zanutta

www.stefaniazanutta.com

Stefania Zanutta nasce a Udine nell’estate del 1973. Il suo cuore “delicato” la porta ad avere un rispetto e un amore particolari nei confronti della vita che considera un dono meraviglioso. Da qui la sua profondità di sentimenti e l’amore per le piccole cose. Stefania ringrazia ogni giorno di essere nata così e ancor più di essere stata accolta in una famiglia così speciale. I genitori forti e amorevoli l’avvolgono in un ambiente di normalità dove il suo “essere” diviene parte normale e integrante della quotidianità. Sono proprio loro a iniziarla all’arte: il padre ha sempre dipinto e la madre seguito le due figlie nella creazione pratica.  Sin da piccola dunque nutre un grande interessamento nei confronti della creatività e trova la sua strada esprimendosi attraverso la pittura. Ciò che la interessa è il colore, il suo uso e l’accorpamento delle tinte.

Inizialmente ritrarre animali e paesaggi allenano Stefania alle dimensioni e prospettive e al calibramento dell’armonia del colore che poi, anche se con soggetti diversi, ritroverà nell’attuale percorso informale. Dall’adolescenza fino ai 17 anni frequenta il Conservatorio stimolando ancor più l’armonia e le pause in senso globale. Alle scuole medie la grande fortuna dell’artista è stata quella di incontrare una maestra di immagine, nipote di Afro Basaldella, che credendo in lei, la spinge e la stimola a perseguire le sue sperimentazioni sul colore. All’Istituto Magistrale ha modo di fare esperienza con il disegno dal vero a pastello.

Chiuso questo primo ciclo di studi la Zanutta si iscrive all’Università di Lingue scegliendo inglese e spagnolo, sostenuta dalla vicinanza di una docente che stimola ulteriormente la cura nei confronti delle passioni, dell’ arte e della vita. Il percorso artistico di Stefania è anche arricchito dai tanti studi affrontati sulla storia dell’arte, in particolar modo è sempre stata attratta da Kandinsky e Pollock per la libertà di espressione nei confronti degli accademismi, con il conseguente raggiungimento volto all’autonomia stilistica. Un altro personaggio chiave nella vita di Stefania è il marito Umberto, che l’ha sempre fatta sentire speciale e incitata a sviluppare e approfondire la sua inclinazione artistica. Nato il figlio Raffaele, la gioia di tutti, Stefania riprende il cammino che precedentemente i genitori avevano fatto con lei e coinvolge il figlio nelle proprie creazioni artistiche: alcuni dei suoi quadri difatti sono fatti a quattro mani.

Attualmente la Zanutta vanta diverse partecipazioni a premi, mostre collettive e personali, aste e importanti pubblicazioni come nella Rivista Bimestrale Internazionale d’Arte: “International Urbis et Artis” (RM), in cui è presente anche con le quotazioni,  ne “La Vetrina dell’Arte Italiana” e nell’ “Albo degli artisti italiani”. Due suoi quadri hanno partecipato a una mostra collettiva organizzata dalla Secolo Art Gallery presso l’Hotel Hilton Sharjah-Dubai, Emirati Arabi, dopo aver superato un’attenta e rigidissima selezione da parte di un comitato scientifico internazionale, andando ad affiancare grandi maestri storicizzati. L’evento è stato patrocinato dalla Camera di Commercio Italiana negli Emirati Arabi e dal Consolato Generale dell’Ambasciata Italiana negli Emirati Arabi. L’anno seguente le stesse tele hanno partecipato al concorso “Pennello d’Oro” indetto dalla stessa organizzazione: “Forza 9” si è aggiudicato il 6° posto con “Menzione della Giuria”.
Il riscontro della critica e dei fruitori è sempre positivo.

Raffaella Ferrari
Critico d’arte

Categoria:
Descrizione

www.stefaniazanutta.com

Stefania Zanutta nasce a Udine nell’estate del 1973. Il suo cuore “delicato” la porta ad avere un rispetto e un amore particolari nei confronti della vita che considera un dono meraviglioso. Da qui la sua profondità di sentimenti e l’amore per le piccole cose. Stefania ringrazia ogni giorno di essere nata così e ancor più di essere stata accolta in una famiglia così speciale. I genitori forti e amorevoli l’avvolgono in un ambiente di normalità dove il suo “essere” diviene parte normale e integrante della quotidianità. Sono proprio loro a iniziarla all’arte: il padre ha sempre dipinto e la madre seguito le due figlie nella creazione pratica.  Sin da piccola dunque nutre un grande interessamento nei confronti della creatività e trova la sua strada esprimendosi attraverso la pittura. Ciò che la interessa è il colore, il suo uso e l’accorpamento delle tinte.

Inizialmente ritrarre animali e paesaggi allenano Stefania alle dimensioni e prospettive e al calibramento dell’armonia del colore che poi, anche se con soggetti diversi, ritroverà nell’attuale percorso informale. Dall’adolescenza fino ai 17 anni frequenta il Conservatorio stimolando ancor più l’armonia e le pause in senso globale. Alle scuole medie la grande fortuna dell’artista è stata quella di incontrare una maestra di immagine, nipote di Afro Basaldella, che credendo in lei, la spinge e la stimola a perseguire le sue sperimentazioni sul colore. All’Istituto Magistrale ha modo di fare esperienza con il disegno dal vero a pastello.

Chiuso questo primo ciclo di studi la Zanutta si iscrive all’Università di Lingue scegliendo inglese e spagnolo, sostenuta dalla vicinanza di una docente che stimola ulteriormente la cura nei confronti delle passioni, dell’ arte e della vita. Il percorso artistico di Stefania è anche arricchito dai tanti studi affrontati sulla storia dell’arte, in particolar modo è sempre stata attratta da Kandinsky e Pollock per la libertà di espressione nei confronti degli accademismi, con il conseguente raggiungimento volto all’autonomia stilistica. Un altro personaggio chiave nella vita di Stefania è il marito Umberto, che l’ha sempre fatta sentire speciale e incitata a sviluppare e approfondire la sua inclinazione artistica. Nato il figlio Raffaele, la gioia di tutti, Stefania riprende il cammino che precedentemente i genitori avevano fatto con lei e coinvolge il figlio nelle proprie creazioni artistiche: alcuni dei suoi quadri difatti sono fatti a quattro mani.

Attualmente la Zanutta vanta diverse partecipazioni a premi, mostre collettive e personali, aste e importanti pubblicazioni come nella Rivista Bimestrale Internazionale d’Arte: “International Urbis et Artis” (RM), in cui è presente anche con le quotazioni,  ne “La Vetrina dell’Arte Italiana” e nell’ “Albo degli artisti italiani”. Due suoi quadri hanno partecipato a una mostra collettiva organizzata dalla Secolo Art Gallery presso l’Hotel Hilton Sharjah-Dubai, Emirati Arabi, dopo aver superato un’attenta e rigidissima selezione da parte di un comitato scientifico internazionale, andando ad affiancare grandi maestri storicizzati. L’evento è stato patrocinato dalla Camera di Commercio Italiana negli Emirati Arabi e dal Consolato Generale dell’Ambasciata Italiana negli Emirati Arabi. L’anno seguente le stesse tele hanno partecipato al concorso “Pennello d’Oro” indetto dalla stessa organizzazione: “Forza 9” si è aggiudicato il 6° posto con “Menzione della Giuria”.
Il riscontro della critica e dei fruitori è sempre positivo.

Raffaella Ferrari
Critico d’arte

Recensioni (0)

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Stefania Zanutta”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

× Contattaci ora!